14.1.3 Locuzioni avverbiali e avverbi

Come avrete notato, non amiamo esagerare con gli approfondimenti grammaticali: utili certo, ma anche anche rischiosi. Pensare troppo alla correttezza delle strutture può infatti talvolta inibire piuttosto che stimolare il nostro intuito, soprattutto in una lingua come il francese, che ha molti punti in comune con la nostra.

Occorre però a questo punto aprire una breve parentesi sulle differenze tra avverbi e locuzioni avverbiali (resistete: sarà rapido e indolore!).

a) Mangia allegramente.
b) Mangia con gaiezza.
c) Mangia molto.

Nelle tre frasi l'avverbio ci dice qualcosa in più su come si volge l'azione espressa dal verbo. La funzione di allegramente, con gaiezza e molto è quindi la stessa. Ma ci sono comunque della differenze: in a) abbiamo un avverbio che deriva da un aggettivo, in b) una locuzione avverbiale, mentre in c) abbiamo un altro avverbio ma di diversa formazione.

L'avverbio è quindi un elemento invariabile della frase che può precisare un verbo (parla molto) o un aggettivo (è molto buono)

Lui mangia velocemente.
Lui mangia molto veloce.
Lui è molto contento.

Chiamiamo invece locuzioni avverbiali un'insieme di parole che hanno la funzione di un avverbio. Vediamo alcun esempi.

Tipo di avverbi
  Gli avverbi genuini che non derivano da un aggettivo
  Veni qua.
  È già qui.
  Fallo adesso.
  Puoi farlo più tardi.
  L'avverbio non si distingue nella sua forma dall'aggettivo
  Corre veloce.
  Parla troppo forte.
  L'avverbio deriva da un aggettivo
  Sfortunatamente non è arrivato a tempo.
  Fortunatamente me lo disse.
  Locuzione avverbiali che hanno la funzione di un avverbio
  Ho fatto tutto in fretta e furia.
  L'ho visto solo di sfuggita.






contatto informazione legale consenso al trattamento dei dati personali